Voce alla Città

Movimento Civico Tolentino (MC)

L’AMMINISTRAZIONE PEZZANESI E L’ASILO GREEN: DALLA “PREVISIONE” DI UNA VERIFICA NEGATIVA ALLA “CERTEZZA” DI UNA SPECULAZIONE .

Non sappiamo quanti cittadini siano al corrente di una recente delibera dell’Amministrazione Pezzanesi relativa alle sorti dell’asilo nido Green ed allora proviamo a “leggere” questa delibera con un po’ di accortezza e lungimiranza.

Innanzitutto ricordiamo che l’asilo Green di Via La Malfa è stato oggetto di interventi di manutenzione straordinaria deliberati già nell’agosto dell’anno 2008 e realizzati per stralci negli anni successivi per un importo di circa trecentomila euro.
mappa_3I lavori erano finalizzati alla sicurezza dell’edificio con l’eliminazione delle infiltrazioni delle acque piovane che avevano generato fessurazioni e parziali cedimenti e l’adeguamento delle dimensioni delle fondazioni. Inoltre  si prevedeva la sostituzione degli infissi esistenti con altri più sicuri e tali da ridurre sprechi e contenere i consumi energetici ed infine l’ampliamento della struttura con la realizzazione di nuovi spazi coperti  a disposizione dei bambini.

Facciamo rilevare che tutto l’intervento, progettazione, direzione lavori  e collaudo delle opere , è stato eseguito da tecnici interni comunali tuttora vivi e vegeti ed alle dipendenze del Comune.

Ebbene “improvvisamente” con la nobile motivazione di “dare attuazione alle finalità perseguite dall’Amministrazione Comunale di dotare la città di Tolentino di adeguate strutture scolastiche” la Giunta afferma che “è prevedibile che dalla verifica dell’asilo Nicolas Green alle nuove norme tecniche di sicurezza antisismiche risulti necessario provvedere all’adeguamento della struttura tramite la realizzazione di ingenti opere edilizie”.

Di fronte al timore di una tale “fosca” previsione un amministratore di buon senso, e soprattutto rispettoso dei soldi di tutti recentemente spesi, avrebbe dovuto convocare  tutti i dipendenti comunali che avevano partecipato al progetto ed avrebbe commissionato loro la paventata verifica dell’asilo Green alle nuove norme tecniche di sicurezza antisismiche   per averne subito un attendibile responso.

mappa_4Ed invece ci si accorge che l’asilo Green è tanto distante dalla scuola dell’infanzia ed elementare Rodari-King e se ne ipotizza la sua ricostruzione nei pressi del complesso Rodari-King  “al fine di offrire all’utenza un servizio più unitario e compatto”.

Si dà il caso, però, che attualmente  tra asilo Green e scuola dell’infanzia Rodari ci siano di mezzo solamente un parcheggio ed una strada e che già sono talmente “unitari e compatti” che nelle ore di entrata ed uscita dalle scuole è necessario regolare appositamente la circolazione e la sosta delle auto e dei mezzi pubblici !

Ma, secondo noi,  il motivo vero e più importante delle preoccupazioni sulla sicurezza e sulle distanze tra scuole lo si scopre proseguendo nella lettura della delibera della Giunta: con la delocalizzazione dell’asilo si rende “disponibile nel contempo una area di proprietà comunale all’interno del tessuto urbano, che questa Amministrazione Comunale intende valorizzare mappa_5prevedendone un uso ed una destinazione diversi”.E quali sarebbero  “uso e destinazione diversi” ?  “Naturalmente” prevedendo per l’area in questione una nuova destinazione commerciale, conformemente a quelli che sono gli intendimenti dell’amministrazione”!

Abbiamo capito bene: l‘intendimento dell’Amministrazione è creare una nuova area commerciale e per realizzarla si “rottama” un asilo su cui si sono spesi soldi pubblici , si “compatta” il nuovo asilo agli edifici scolastici esistenti,e per fare in modo che nei pressi del polo scolastico l’aria sia più salubre vi si insedia un polo commerciale ed il relativo traffico veicolare!

Ma c’è di più : i lavori di manutenzione furono finanziati con € 33.000,00 con imputazione al cap. 2041 (R.P. 2008 – deliberazione Giunta municipale n. 183/2008), per € 117.000,00 con mutuo da chiedersi alla Cassa DD.PP. S.p.A. e con un contributo regionale di € 150.000,00 subordinato e vincolato al mantenimento dell’uso scolastico della struttura per almeno dieci anni, forse si sta pensando di gabbare la Regione o di ricavare dalla “valorizzazione dell’area” anche i denari per restituire il contributo ? Inoltre il nuovo asilo verrebbe edificato nei pressi della scuola King proprio nella porzione di area che a suo tempo non era stata edificata  per lasciare adeguato spazio alla futura palestra del complesso scolastico, forse Pezzanesi  pensa di non dotare di palestra il polo scolastico Green- Rodari-King  oppure di costruirla in qualche cortile privato, magari appartenente alla Curia maceratese?

Geniale! Ma proprio si poteva  pensarne una diversa ?

Una speranza però ce l’abbiamo: tutta la procedura è subordinata alla necessità dell’Amministrazione Comunale di “disporre di uno studio di fattibilità costituito da una scheda progetto, relativa alla realizzazione del nuovo asilo nido e comprensiva di un Quadro Tecnico Economico che ne illustri i relativi oneri finanziari, e da una preliminare stima economica del valore dell’area, da valorizzare tramite l’approntamento di una apposita variante urbanistica, e del fabbricato soprastante che si intendono cedere come corrispettivo per la realizzazione dei lavori” e “solo dopo aver acquisito tale documentazione la Giunta Comunale valuterà la possibilità o meno di indire una gara di appalto per la costruzione del nuovo edificio scolastico con pagamento in corrispettivo con la cessione dell’area e dell’attuale edificio scolastico, nonché i diritti edificatori che verranno assentiti su tale area con la citata variante urbanistica”.

Auguriamo buon lavoro al Dirigente Comunale incaricato della redazione della documentazione richiesta dall’Amministrazione ma  riteniamo che potrebbe essere complicato, specialmente in questo tempo di recessione economica, ricavare dalla trasformazione urbanistica di un’area di circa 3500 metri quadrati  i denari per coprire i costi tecnici della variante, la quota di finanziamento da restituire alla Regione, la costruzione di un asilo funzionale e moderno ed in regola con  tutte le normative tecniche e di sicurezza nonché qualche altro beneficio economico da mettere a disposizione della città!

Noi ci impegniamo fin d’ora a sollecitare la pubblica opinione su un argomento che dovrebbe stare a cuore di tutti.

Tolentino, 14 giugno 2014

Movimento civico Voce alla Città

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 14 giugno 2014 da in NEWS con tag , , .
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: